Cose da fare a Belfast

Belfast è una città forte e dal carattere molto forte. Sono passati solamente 18 anni dai disordini che l’hanno devastata, e che scossero l’Irlanda del Nord fino alle fondamenta, ma oggi la capitale sta tornando a galla. La città ha riscoperto il suo lato cosmopolita, e i turisti stanno accorgendosi di quanto accattivante possa essere la città. Il centro non è di grandi dimensioni, ma noleggiando un’auto con easyCar avrai il resto della regione a tua disposizione, con le sue spettacolari coste ad appena un’ora di macchina dal centro città.

 

Assaggia una “Ulster Fry” per colazione

Il Nord Irlanda è tecnicamente parte del Regno Unito, ma il desiderio di crearsi una propria identità, diversa dal resto del blocco “continentale”, traspira da ogni aspetto della vita –  dalla nomenclatura dei luoghi fino alla colazione la mattina. L’Ulster fry è una fiera dichiarazione di indipendenza dalla colazione all’inglese. Assieme alle regolari salsiccia, pancetta e pomodoro, troviamo due uova fritte, patate appena imbrunite, pane irlandese e pudding bianco e nero.

Il posto dove richiedere la migliore “Ulster fry” a Belfast è motivo di dibattito, ma Bright’s – un ristorante senza fronzoli situato nella high street – è una scelta sicura, essendo preferito sia dai turisti che dalla gente del luogo. Richiedi una “Bright’s fry” per poco meno di 4£, e dimenticati di fare delle attività sportive nelle ore che seguiranno.

shutterstock_179688086

Tuffati nel passato turbolento del posto 

Controversialmente, Belfast ha cominciato a fare del proprio passato moderno e tumultuoso un investimento, ed un intero filone turistico basato sui “troubles” sta riesumando le cicatrici del conflitto tra unionisti e nazionalisti, fatto che ha portato alla costruzione di “muri della pace”, coperti di murales, a separare zone cattoliche da zone protestanti.

Il popolare Black Taxi Tours offre uno sguardo più intimista nella storia della città. Gli autisti sono persone che hanno vissuto il conflitto in prima persona, e sono felici di raccontare storie che li hanno visti coinvolti personalmente, e di offrire informazioni riguardo agli eventi storici che accaddro durante il periodo, con divizia di particolari. Le escursioni durano qualche ora, e possono a volte portare oltre i confini della città per descrivere dove e quando accaddero gli eventi più eclatantienti rilevanti accaddero quando e dove. Della durata di qualche ora, possono portare talvolta oltre i confini della città, fino alla costa. Prigionieri politici del passato offrono tour a piedi con la compagnia Coiste.  E se vi fosse ancora la curiosità, si può visitare l’Ulster Museum e la sezione dedicata ai disordini, che offre una vasta gamma di foto ed anche video. La Red Barn Gallery offre anche essa fotografie dell’epoca, in vendita se lo si volesse.

shutterstock_19742230

Raggiungi la Camminata dei Giganti

 Fuggi da Belfast per un giorno e guida appena poco più di un’ora verso la costa.

La Giant’s Causeway (Camminata dei Giganti) è tratto costiero formato da circa 40,000 colonne di basalto, fuse tra loro e nate come conseguenza di un’antica eruzione vulcanica.

Secondo la leggenda, le colonne sono quello che rimane di una rivalità tra due giganti, l’irlandese Finn e lo scozzese Benandonner. Una versione dei fatti narra che Finn, impaurito per aver realizzato quanto piccolo fosse rispetto al suo rivale, fu camuffato da sua moglie come un neonato in culla. Benandonner, vedendo il pargolo rimase terrorizzato, immaginando quanto enorme potesse essere il padre di tale gigantesco figlio. Il gigante scappò dunque via, verso la Scozia, e distrusse la camminata, così che nessuno sarebbe mai stato in grado di seguirlo.

E’ un luogo dal ricco valore esplorativo e con tante storie da raccontare, e i  bambini lo trovano particolarmente affascinante. Da Port Noffer, si prende il piccolo percorso verso il mare fino a raggiungere Lo Stivale del Gigante, la grande roccia a forma di scarpa, oppure si può arrivare alla sedia dei desideri, formatasi tra le colonne. Cerca il famoso cammello di Finn, fatto di pietra, ed i 167 ripidi scalini che discendono dal percorso rosso e tracciano la cima della scogliera.

 shutterstock_226075126

Cena in un vechio magazzino tessile

Belfast fu per un periodo la capitale tessile dell’Irlanda, ee ilistorante Robinson & Cleaver fa da memento a quest’epoca industriale. Collocato in un magazzino tessile del XIX secolo, che fungeva anche da negozio, il ristorante offre cibo dalla qualità riconosciuta, il tutto  durante una piacevole atmosfera irlandese. Il personale è giovane ed entusiasta. Ordina un “Assaggio di Ulster”, e dividi il tagliere con i tuoi compagni, gustando, salmone affumicato, sgombro, formaggi e pane tipico. La terrazza, in particolare durante l’estate, è vibrante di energia durante una cena con vista Belfast e colline al nord della città.

 

Scopri la vena artistica di Belfast nel quartiere della cattedrale

Il quartiere della Cattedrale è il simbolo più drammatico del cambiamento della città, da zona di guerra a luogo culturale. Nato come luogo di industrie e magazzini, l’area che circonda la cattedrale di Sant’Anna è ora un centro di attrazione per i turisti alla ricerca dell’arte e della musica della città. Una serie di spazi all’aperto attentamente pianificati dona a quest’area un feeling davvero continentale.

shutterstock_183380273

L’Oh Yeah Music Centre celebra l’eredità musicale del Nord Irlanda, da Dana agli Snow Patrol. Writer’s Square ricorda le conquiste letterarie, con citazioni da opere di famosi scrittori locali scolpite nel pavimento in pietra. Il  MAC è un luogo di ritrovo multi-artistico che ospita gallerie d’arte ed esibizioni. La struttura accoglie di buon grado visitatori curiosi. Assorbi l’atmosfera prettamente artistica mentre ti godi il pranzo o un caffè al suo interno.

 

Share:

Lascia un commento