Cose da fare a Malaga

Era il 1950 quando la Costa del Sol iniziò ad essere considerata come una destinazione di tendenza. Celebrità come Frank Sinatra e Brigitte Bardot cominciarono ad andare in vacanza nella costa meridionale della Spagna, e in seguito anche la gente comune del continente europeo decise che una dose di sole, mare e spiaggia sulla Costa del Sol spettava anche a loro. Da quel momento non hanno mai smesso di arrivare. Non lasciarti intimorire dalle orde di turisti che giungono ogni anno. Se lo fanno, c’è un motivo.

La moderna Malaga è diventata con il tempo una destinazione di grande richiamo. Molti turisti inglesi e tedeschi trovano questo mix di attrazioni commerciali e cultura andalusa difficile da resistere, al punto che alcuni scelgono di non andarsene più. Malaga non è la sola città ad attirare l’attenzione, dato che il territorio circostante offre diverse attrazioni Affitta un’auto con easyCar per esplorare al meglio la campagna selvaggia della Spagna ed una Costa Del Sol da cartolina.

 

Un’esplosione di colori alla fiera di Malaga

Ogni agosto Malaga ospita una delle più grandi fiere estive – due milioni di persone raggiungono la città, che esplode di colori mentre gli edifici sono avvolti di luce. A Malaga, signore spagnole – giovani ed attempate – offrono spontaneamente esibizioni di flamenco mentre gli uomini, in maglie bianche, attraversano la folla a cavallo. Uno spettacolo di fuochi d’artificio dà inizio alle festività, seguito da una parata e da una splendida fiera. Esiste una forte rivalità tra Malaga e la vicina Siviglia, che offre anch’essa un festival estivo, ed ogni anno le due città tentano di superarsi per creare la festa più spettacolare. malaga2

 

Gita di un giorno in Africa

Per capire davvero l’eredità storica della città, con Spagna e Marocco intrecciate a filo unico, è utile una gita verso Tangeri. L’Africa dista solo 14 miglia dalla punta meridionale della Spagna e l’offerta di tour tra le due città non manca. Le agenzie che organizzano gite non mancano, ma è possibile anche fare da sè, prendendo il traghetto da Algeciras, e perdendosi poi nei Souk di Tangeri, visitando la Kasbah ed infine prendendo il tè al Fils de Detroit, un piccolo caffè dove musicisti arabo-andalusi ravvivano l’atmosfera con liuti e tamburi.malaga3

 

Lontano dalla folla al lago di Bermejales

A meno di due ore di guida da Malaga si trova il lago Bermejales, una riserva artificiale dove gli spagnoli fuggono quando il marasma della costa diventa insostenibile. Qui lo scenario è mozzafiato, le acque profonde e piene di vita sono calde come la temperatura della vasca da bagno. Accanto al campeggio del lago vi è anche una spiaggia. I visitatori maggiormente inclini all’avventura possono fruire delle canoe o delle barche a vela, mentre i bambini possono noleggiare i pedalò con scivolo incorporato. Distante dal circuito del turismo, Bermejales offre un raro momento di respiro al riparo dalle folle, e molti scelgono di rilassarsi nella tranquillità che il lago mette a disposizione.malaga4

 

Trasformati in Indiana Jones visitando Los Cahorros

Ripidi pendii in calcare formano quello che è il dirupo di Los Cahorros, situato nello splendido parco della Sierra Nevada. Per giungervi, si guida da Malaga al piccolo villaggio di Monachil. Luogo perfetto per arrampicatori, i sentieri serpeggiano dentro e fuori la roccia. Il percorso, tracciato dal fiume Monachil, è eccezionalmente bello ed adatto alle famiglie, ed incrocia pozze nella roccia e cascate. Qui, le opportunità di avventura non mancano: dall’esplorazione dei tunnel nella roccia ai ponti sospesi. Per i visitatori invernali, la stazione sciistica di Pradollano è la più meridionale d’Europa.

malaga1

 

Esplora la Malaga dei Mori

Nell’ottavo secolo la penisola iberica fu conquistata dai saraceni del Nordafrica. Noti col nome di Mori, portarono con sè un distinto stile di architettura che ancora oggi lascia il segno nelle strutture spagnole e portoghesi.

L’Alcazaba è la costruzione più imponente di Malaga e testimonia perfettamente la permanenza dei Mori. Una fortezza sulla collina, si erge sulla città e guarda verso l’Africa. Fu costruita originariamente per difendere Malaga dai pirati. Oggi rimane in condizioni soprendentemente buone, con centinaia di torri ancora al loro posto, così come buona parte dei palazzi. All’interno dell’Alcazaba, tra una fitta rete di corridoi, cortili e giardini, si può trovare il passaggio che collega al Castillo de Gibralfaro.

Costruito nel XIV secolo, Gibralfaro esiste per proteggere l’Alcazaba. Di notte viene illuminato e risplende su Malaga, guadagnando il suo nome che significa “montagna faro”.

Puoi visitare tutto questo ed altro noleggiando un’auto a Malaga con

Share:

Lascia un commento